Le dark kitchen, spiegate bene

Il popolare settimanale Panorama ne parla come dei ristoranti del futuro.

Noi azzardiamo: le dark kitchen sono già i ristoranti del presente, almeno in una realtà parallela a quella nella quale viviamo quotidianamente. Il nostro mondo comprende pause pranzo consumate di corsa, ritrovarsi velocemente con gli amici per un aperitivo, la famiglia intorno allo stesso tavolo (anche di un ristorante!) la domenica. Come è possibile conciliare queste tradizioni, chiamiamole così, con altre e diverse tendenze?

Un passo indietro: cosa sono le dark kitchen?

Le dark kitchen (ma le chiamano anche cloud o ghost) sono cucine senza ristorante annesso: non sono aperte al pubblico, ma lavorano comunque. Come? Producendo solo piatti per il delivery. Immaginatele come la cucina di servizio di catering, ma con una struttura più snella.

Un’idea per ossigenare il settore

L’idea in sé, nata all’epoca della pandemia quando non si poteva aprire al pubblico, è geniale: si abbattono i costi di affitto del locale, quelli vivi di bollette, tovagliati, personale di sala e quant’altro. Ma si guadagna comunque dalla vendita dei propri manicaretti. Per il cliente c’è un minimo rischio: dopotutto si ordina al buio, senza sapere se quanto si mangerà sarà gradito.

Dal lato ristoratore, non c’è dubbio che si tratti di un vero gamechanger, e non solo per la possibilità di risparmiare. In un territorio molto vasto e dai collegamenti pubblici poco sviluppati, come possono essere alcune zone montane o delle nostre isole maggiori, una dark kitchen può arrivare a soddisfare più clienti di quanti potrebbe ospitare in un contesto normale, e potrebbe intercettare gusti diversi proponendo ricette etniche, tradizionali, gourmet a seconda di chi ordina e del suo profilo o delle sue richieste specifiche.

Parlando di specificità, una dark kitchen potrà indifferentemente offrire piatti per tutte le occasioni e anche quelle legate a eventi come cene romantiche o di lavoro, posizionandosi in maniera aggressiva rispetto ai concorrenti troppo specializzati.

Potrebbe essere questa l’idea che farà risollevare definitivamente il vostro business?

Come cambia il mondo del caffè

Non tutti i caffè sono creati uguali. Questa frase sembrerà ad effetto ma contiene una grande verità: in Italia tendiamo a essere tradizionalisti e abbracciamo la tazzina di espresso come una calda coperta di Linus. Gli altri tipi di caffè quasi li ignoriamo. Ma tutto sta in quel quasi. Evoluzioni del gusto È così: anche i bar di quartiere si stanno aprendo a dei cambiamenti, e dal ginseng alla crema di caffè, oggi al bancone si può bere qualcosa di diverso. C’è un cambiamento in fatto di... Scopri di più...

I migliori servizi online per il vostro bar e ristorante

Il mondo dell’Ho.Re.Ca. è affollato di servizi online che nella teoria sono tutti utilissimi per chi gestisce un bar o un ristorante, ma nella pratica non tutti funzionano alla stessa maniera, né tutti sono necessariamente tarati sulle vostre necessità: per questo moltissimi operatori del settore decidono di staccarsene. In questo breve focus, vogliamo concentrarci su quelli più importanti, dividendoli per tipologia. Un aiuto per le consegne Glovo, UberEats, JustEat, Deliveroo: sono solo... Scopri di più...

Eventi al ristorante nell’epoca post-Covid

La pandemia da Covid-19 non ha solo determinato gravissime perdite economiche per un comparto colpito duramente dalle restrizioni e dai lockdown. La terribile malattia, con la quale stiamo ancora imparando a convivere, è anche un’occasione per i ristoratori. Per esempio, i clienti e gli avventori cercano tranquillità per i propri eventi: hanno voglia di vivere e di festeggiare, e rivedendo delle pratiche consolidate e portandole in questo universo post-contagio, i professionisti del settor... Scopri di più...

Un caffè diverso dagli altri: il Caffè Campana a Pompei

Con specialty coffee si intende una nuova tendenza dei produttori e venditori di caffè che prevede di selezionare i chicchi in piantagione: il processo è più lento ma il prodotto di maggiore qualità, quindi con un costo diverso. Il caffè ottenuto così è però anche più versatile e si presta a un maggior numero di preparazioni, molte mutuate dal mondo di chi parla inglese. Ora: riuscite a immaginare un produttore di espresso napoletano buttarsi sull’… americano? Eppure è quello che è a... Scopri di più...

Too Good To Go, l’app per non sprecare il cibo

Amata da ristoratori e commercianti così come dai consumatori di tutta Europa, la danese Too Good To Go è una bella trovata anche per noi italiani. Come funziona TGTG?  La app collabora con supermercati, aziende, pizzerie al taglio, ristoranti e tavole calde, che partecipando al suo network mettono a disposizione ciò che nessuno ha comprato e che finirebbe comunque nell’immondizia a fine giornata. Si compongono dei veri e propri pacchetti dal valore variabile, a partire da 1,99 EUR. Il co... Scopri di più...